Set 20 2010

Il fotovoltaico batte il nucleare in termini di costi

Classified in: News FotovoltaicoPieno Sole.it at 19:20

nucleare-fotovoltaico

Quello che fino a qualche tempo fa poteva essere semplicemente un sospetto diventa oggi una consolidata realtà, almeno per quanto attiene gli Stati Uniti d’ America.
La notizia difatti arriva direttamente dagli Usa e sembra essere la prova oggettiva tanto attesa da tutti coloro che hanno sempre sostenuto laproduzione di energia tramite l’ausilio di fonti energetiche rinnovabili.

Il dato è confermato quindi: l’energia solare costa meno di quellanucleare!
A confermarlo uno studio della Duke University che, in base a tecniche di comparazione su costi e produzione, ha decretato che si è oramai sancito quello che gli addetti al settore hanno già definito un vero e proprio “sorpasso storico”.

Difatti se si conduce un’attenta analisi sui costi di produzione del fotovoltaico comparandoli con quelli derivanti dall’utilizzo delle centrali nucleari programmate nel paese, il dato emerge con netta chiarezza, Il solare fotovoltaico ha conquistato una vera e propria posizione di spicco tra le varie alternative low cost, superando perfino il nucleare!
A divulgare la notizia John Blackburn, un docente di economia dell’università, che ha riportato i risultati raggiunti tramite la propria ricerca, all‘interno dell‘ articolo “Solar and Nuclear Costs – The Historic Crossover”, pubblicato sul sito dell’ateneo.

A quanto pare in termini monetari il solare ha raggiunto addirittura i 16 centesimi di dollaro a kilowattora.

Una progressiva e costante riduzione dei costi in meno di otto anni a dispetto di quelli impiegati per portare avanti i reattori nucleari che, invece, hanno subito un incremento passando da 2 miliardi di dollari nel 2002 a 10 nel 2010.
Un vero e proprio smacco per l’Italia, sembrerebbe, che testardamente continua ad investire nella parte sbagliata.

Tags:

Set 20 2010

Il 78% dell’energia fotovoltaica è stata installata in Europa

Classified in: News FotovoltaicoPieno Sole.it at 19:19

Che il fotovoltaico sia divenuto oramai un mercato in continua espansione è certamente un dato di fatto, ma che si sia trasformato in uno dei segmenti più produttivi dell’ Europa, beh, questo è un dato che certamente fa notizia.
A quanto pare, quindi, la nuova “patria” del fotovoltaico è diventata l’Europa, a confermarlo l’uscita dell’articolo Photovoltaics Status Report pubblicato dal Joint Research Center della Commissione Europea che, secondo un’accurata indagine condotta sull’attuale condizione mondiale dell‘energia in questione , il 78 per cento dei pannelli solari installati nel mondo durante il 2009 sono stati montati esclusivamente nel Vecchio Continente.

Un dato importante, questo, che conferma finalmente un’effettiva presa di coscienza anche da parte dell’Europa rispetto ad un tema delicato ed attuale come quello delle rinnovabili.

Il rapporto sembra essersi basato sui resoconti produttivi di oltre 300 aziende dislocate sull’intero territorio mondiale, e a quanto pare i risultati parlano chiaro, alla fine dell’anno scorso la produzione totale nel nostro continente ha quasi superato i 16 Gigawatt, raggiungendo di conseguenza il 70 per cento di quella mondiale.

Tra le nazioni europee quella che ha registrato una crescita maggiore in termini di capacità installata è stata la Germania con i suoi 3,8 Gigawatt, una notizia questa a cui eravamo alquanto preparati, ma probabilmente non eravamo abbastanza preparati ad un secondo posto ricoperto dall’Italia, che è cresciuta di 0,73 Gigawatt.

Insomma possiamo ritenerci soddisfatti rispetto all’impegno che il nostro continente ha deciso di spendere nell’utilizzo di queste tecnologie, anche se a quanto pare resta ancora un po’ carente l’effettiva produzione che è rimasta appannaggio esclusivo di Cina, Taiwan e Malesia.

Tags: