Lug 27 2008

RISPARMIO ENERGETICO E FONTI ALTERNATIVE: SAIENERGIA – BOLOGNAFIERE DANNO IL BUON ESEMPIO

Classified in: News Fotovoltaicoadmin at 10:10

A SAIEnergia, in programma a Bologna dal 15 al 18 ottobre 2008, non solo si parla di buone pratiche per la sostenibilità e il risparmio energetico in edilizia, ma si passa anche ai fatti dando il buon esempio. Per soddisfare il fabbisogno energetico necessario per le proprie attività con sistemi a basso impatto ambientale, infatti, BolognaFiere ha avviato un percorso di solarizzazione del quartiere fieristico bolognese: prima tappa, in vista dell’edizione 2008 del SAIE, è l’intervento che vedrà la parziale copertura del Padiglione 36 per una superficie di 600 metri quadrati.

L’installazione, realizzata in partnership con Mitsubishi Electric, leader mondiale nel settore della generazione di energia fotovoltaica, riguarda un impianto fotovoltaico “Grid Connected” con moduli inclinati di 30 gradi e orientamento a sud. Un ottimo biglietto da visita per inaugurare il nuovo salone tematico SAIEnergia, che aprirà al pubblico con il prossimo SAIE e diventerà un appuntamento fisso di aggiornamento nel campo delle fonti di energia rinnovabile e nell’edilizia ecosostenibile.

Per saperne di più clicca qui

[tuttotetto.it]

Tags:

Lug 27 2008

PETROLIO ED ELETTRICITÀ ALLE STELLE

Classified in: News Fotovoltaicoadmin at 10:10

I ripetuti record delle quotazioni del petrolio spinge ai massimi storici anche il prezzo dell’elettricità alla Borsa elettrica. Negli ultimi giorni il prezzo medio di acquisto dell’energia ha raggiunto il valore di 105,43 euro/megawattora. Il prezzo medio di vendita è variato tra 95,79 euro/megawattora del Nord Italia e 177,05 euro/megawattora della Sicilia, al suo massimo storico.

E’ fortemente aumentato anche il costo dell’energia elettrica per le aziende italiane: si prevedono rincari a luglio del 10-15% rispetto ai prezzi di Marzo. Già in Aprile il costo medio del kWh era di 12,6 centesimi di euro + IVA, prezzo circa doppio rispetto a quello che le aziende americane o francesi pagano.

Tags:

Lug 18 2008

Elettricità solare in rete e in batteria

Classified in: News Fotovoltaicosilvertree at 08:57

Come e quando può diventare economicamente conveniente l’accumulo dell’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici collegati alla rete? Se lo chiede l’EPIA (European Photovoltaic Industry Association) e l’EUROBAT (Association of European Storage Battery Manufacturers) che hanno costituito un gruppo di lavoro che sta investigando proprio su questo aspetto (in allegato una presentazione di questa idea curata da Winfried Hoffmann e Ray Kubis presidenti delle due organizzazioni).
Si è considerato finora che lo stoccaggio dell’energia in combinazione con impianti fotovoltaici decentralizzati potrebbe fornire un interessante valore aggiunto sia agli utenti che alle società elettriche, contribuendo ad accelerare la penetrazione delle rinnovabili, aumentare l’efficienza energetica e ridurre i consumi di fonti fossili, con conseguenti minori emissioni.
Infatti, in un mercato liberalizzato dell’energia elettrica, aggiungere il componente “accumulo” agli impianti on grid potrebbe migliorare ulteriormente il loro interesse anche dal punto di vista economico. Il vantaggio è che l’eccesso di elettricità solare da conservare, potrebbe poi essere erogato in modo programmato ad esempio nei periodi con domanda elevata e con prezzi del kWh più alti. Tuttavia è necessario capire meglio quanto i costi di questi sistemi potrebbero essere ridotti in caso di una loro diffusione su grande scala.

Lo stoccaggio dell’energia in effetti potrebbe spostare il picco dell’elettricità prodotta dal fotovoltaico dalle ore più soleggiate del giorno in modo da renderlo disponibile all’utente in base alla domanda, massimizzando così l’elettricità prodotta localmente. Un eccesso di elettricità, se stoccata, potrebbe anche essere ceduta alla rete durante i periodo di picco della domanda e ottenere quindi un prezzo più alto pagato dall’utility. In un tale sistemi potrebbe essere in futuro utile sia nelle aree in cui la continuità della fornitura è necessario sia in quelle soggette a numerosi black out.

Nei prossimi decenni la produzione fotovoltaica potrebbe dunque essere usata per ridurre l’evidente domanda di picco che si verifica nel corso del pomeriggio o nel corso della sera. In Germania, inoltre, un simile approccio potrebbe consentire di installare da 20 a 30 GW di impianti FV senza espandere la rete di trasmissione come ha rivelato lo studio dell’ISET di Kassel (vedi Qualenergia.it).

Anche questa è una strada da investigare per raggiungere il prima possibile la competitività economica del fotovoltaico.

LB

[fonte qualenergia.it]


Lug 08 2008

Nuove regole per lo scambio sul posto per piccoli impianti

Classified in: News Fotovoltaicosilvertree at 19:39

In arrivo regole più semplici a sostegno della produzione di energia elettrica nei piccoli impianti alimentati da fonti rinnovabili o da cogenerazione. E’ quanto prevede il Testo integrato dello scambio sul posto pubblicato dall’Autorità per l’Energia (Delibera 74/08)

L’obiettivo è quello di assicurare una maggiore trasparenza ed efficacia alla gestione del meccanismo che consente di immettere in rete l’energia elettrica prodotta e non immediatamente autoconsumata, per poi prelevarla per soddisfare i propri consumi in un secondo momento.

In altre parole, al termine di ogni anno, i produttori da piccoli impianti da rinnovabili o da cogenerazione potranno pagare esclusivamente la differenza tra quanto dovuto per l’energia consumata e la compensazione ottenuta per l’energia prodotta. Se il valore di mercato dell’energia immessa in rete supera il valore di mercato dell’energia prelevata, viene maturato un ‘credito’.

Le nuove regole, operative dal prossimo 1° gennaio 2009, riguarderanno impianti di produzione da cogenerazione ad alto rendimento con potenza fino a 200 kW e impianti di produzione da fonti rinnovabili fino a 20 kW.

Sarà possibile innalzare la soglia per le rinnovabili fino a 200 kW non appena sarà varato il necessario decreto attuativo delle misure previste dalla legge finanziaria 2008.

Le novità introdotte

Le novità più significative rispetto al meccanismo attualmente in vigore prevedono che il servizio di scambio sul posto venga erogato dal Gestore del sistema elettrico-GSE (e non più dai distributori) e gestito attraverso un portale informatico secondo modalità uniformi per tutto il sistema nazionale. Inoltre, l’eventuale credito, nel caso di fonti rinnovabili, può essere utilizzato negli anni successivi senza più incorrere nel suo annullamento trascorsi tre anni, come invece previsto in precedenza. Per la cogenerazione, il produttore può scegliere se utilizzare l’eventuale credito negli anni successivi, al pari delle fonti rinnovabili, oppure incassarlo al termine dell’anno, ottenendo un compenso monetario. [fonte: voltimum.it]


Lug 07 2008

Impianti fotovoltaici in esercizio a giugno 2008

Classified in: News Fotovoltaicoadmin at 23:16

Continuiamo a fare il punto sull’andamento degli impianti fotovoltaici messi in rete in Italia con il Conto Energia.

Secondo gli ultimi dati forniti dal GSE (18 giugno 2008) gli impianti solari entrati in esercizio sono in totale, tra vecchio e nuovo Conto Energia, 11.818 per una potenza pari a 125,9 MWp, di cui 79,9 MWp (4.522 impianti) per il vecchio Conto Energia e 45,9 MWp (7.296 impianti) per il nuovo decreto.

Vediamo i dati relativamente al solo 2008. Dopo poco più di 23 settimane dell’anno in corso risultano in esercizio, 4.171 nuovi impianti fotovoltaici per una potenza pari a 46,27 MWp: per il vecchio Conto Energia 18,6 MWp (312 impianti) e per il nuovo conto energia 27,6 MWp (3.859 impianti).
Ciò vuol dire che dall’inizio dell’anno sono stati installati e messi in rete in media ogni settimana circa 180 impianti e una potenza di circa 2 MWp (oltre 8 MWp al mese). Per raddoppiare l’installato in esercizio del 2007 (pari a 70,2 MWp), che è l’obiettivo di tutto il settore, queste medie dovranno aumentare sensibilmente: per quanto concerne la potenza installata settimanalmente si dovrà infatti arrivare a circa 2,7 MWp, cioè oltre 11,5 MWp al mese.

Ricordiamo che nel 2007 la potenza fotovoltaica installata e incentivata è stata in media di 120 impianti a settimana per un totale di 1,3 MWp. Complessivamente la potenza installata nel 2007, come detto, è risultata pari a 70,2 MWp (6.249 impianti), di cui la gran parte era ancora relativa al vecchio decreto (51,84 MWp per 2.812 impianti); mentre per il nuovo conto energia (DM del 19/2/2007) la potenza installata era stata di 18,38 MWp (3.437 impianti).

Il mercato in Italia è dunque in grande crescita, anche se va detto che il punto di partenza era piuttosto modesto: nel 2007 si è incrementato di oltre 7,4 volte rispetto al 2006.

Secondo i dati GSE al 1° giugno 2008, la regione capofila per potenza installata è la Lombardia: circa 15,2 MWp cioè il 12% del totale nazionale (record anche per numero di impianti: 1.986).
Seguono per megawatt in rete, la Puglia con 13,7, il Trentino Alto Adige con 11,8, l’Emilia Romagna con 10,9, Toscana con 8,4, Piemonte con 8,3, Veneto con 7,6, Umbria con 6,8, Sicilia con 6,1.
Come si vede il baricentro del fotovoltaico nazionale è ancora spostato decisamente verso nord.[fonte: enerpoint.it]

Tags:

Lug 06 2008

Il Ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo ha illustrato alla Camera il programma del suo dicastero

Classified in: News Fotovoltaicoadmin at 08:49

Sviluppo delle fonti rinnovabili e del nucleare, ridefinizione degli impegni di Kyoto, incentivi all’utilizzo di gas e carbone pulito, riqualificazione del patrimonio edilizio, realizzazione di quartieri ecologici, riduzione delle tasse per chi risparmia energia e non inquina.

Sono stati questi i punti fondamentali dell’intervento del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Stefania Prestigiacomo, in Commissione Ambiente alla Camera.
Presupposto fondamentale per affrontare con efficacia la questione ambientale è – secondo il Ministro – il “passaggio dall’ambientalismo ideologico all’ambientalismo liberale”, cioè da un’economia che “vede la tutela dell’ambiente come gravame collaterale, all’economia che considera l’ambiente come snodo fondamentale, risorsa, e anche business, della società del futuro.”
Perché l’ambiente del nostro Paese – irripetibile e non replicabile mix di natura, storia, cultura – è la principale risorsa dell’Italia, è intenzione del Governo difendere e valorizzare al massimo questa risorsa e promuovere una politica ambientale che coniughi tutela e sviluppo, che consenta di difendere l’ecosistema e permetta di realizzare quegli interventi infrastrutturali e nel campo dell’energia di cui il Paese ha bisogno. Continua a leggere —-> “Il Ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo ha illustrato alla Camera il programma del suo dicastero”
Tags:

Lug 04 2008

Sulle case tedesche pannelli solari obbligatori per legge

Classified in: News Fotovoltaicoadmin at 22:30

Sarà obbligatorio installare dei pannelli fotovoltaici sui tetti nella cittadina tedesca di Marburg, 80.000 anime a Nord di Francoforte. Oltre agli incentivi, per spingere sulle rinnovabili a decorrere dal 1° ottobre 2008 s’impone ai proprietari l’installazione appena si mette mano al tetto per qualsiasi lavoro: gli edifici di nuova costruzione, ovviamente dovranno montarli obbligatoriamente.

Lo ha stabilito la coalizione municipale dei Social democratici e dei verdi imponendo multe di oltre 1.000 euro a chi non provvederà all’installazione. Secondo i calcoli, basteranno 15 anni per ammortizzare gli investimenti di almeno un pannello solare ogni 20 metri quadri di tetto.

Non mancano le discussioni politiche in materia: c’è chi sostiene che il provvedimento farà tendenza e ben presto sarà copiato in altre città mentre c’è i cristiano-democratici parlano di dittatura ambientalista. In Italia, la Finanziaria 2008 già parla di “installazioni obbligatorie” ma non cita espressamente l’obbligo di installarli ad ogni opera di manutenzione per i fabbricati (sia per i privati che per le imprese). Un sistema di incentivi e finanziamenti agevolati delle banche in Germania come nel resto dell’Europa, è già attivo per aiutare i privati più reticenti a digerire queste nuove imposizioni. [Via | Dw-World.de]

Tags:

Lug 04 2008

2007 : nuovo record per gli investimenti nelle rinnovabili

Classified in: News FotovoltaicoPieno Sole.it at 22:23
Il rapporto annuale delle Nazioni Unite per l’Ambiente “Global Trends in Sustainable Energy Investment 2008” registra un vero e proprio boom nel 2007 per gli investimenti nell’energia sostenibile: +60 per cento. Si calcola che siano stati spesi 148 miliardi di dollari in eolico, solare e le altre fonti rinnovabili.

Un vero e proprio balzo favorito da  una combinazione di fattori: il rialzo improvviso e consistente del prezzo del petrolio, le preoccupazioni sui cambiamenti climatici ed il sostegno da parte dei governi alle fonti rinnovabili.

Al primo posto gli investimenti nell’eolico (50,2 miliardi di dollari nel 2007), subito dopo quelli nel solare (28,9 miliardi di dollari) e quindi biocarburanti.

L’energia solare fa registrare comunque il trend di crescita più elevato con un incremento del   254 per cento annuo.

Il rapporto dell’ONU prevede che il trend di crescita continuerà ad essere positivo anche per i prossimi anni.

Complessivamente gli investimenti nelle fonti rinnovabili rappresentano il 19 per cento dei nuovi investimenti globali nel settore dell’energia, dieci volte in più di quelli nel nucleare.

L’Europa è l’area geografica dove si è investito di più, seguita dagli USA , quindi Cina, Brasile e India. Ma è l’Africa a far sperare di più per il futuro con interessanti sviluppi nel settore dei biocarburanti e del geotermico , ma soprattutto nel solare, avviandosi a diventare il cuore energetico del pianeta.

Tags: